Naufrago


“Naufrago” è il sesto album del bassista e cantautore italiano Simone Vignola.
E’ un disco self-made in cui l’artista ha curato il lavoro a 360°: lui scrive e arrangia tutti i brani, suona tutti gli strumenti, realizza missaggio e mastering.
Le 13 canzoni inedite contenute nell’album scorrono facilmente all’ascolto spaziando tra l’emozionalità tipica del pop internazionale e l’inconfondibile ritmo funky di Vignola.

E’ la title track ad aprire le danze e racconta con le parole l’immagine di tutto il concept dell’album. Seguono “Ballo” e “Forse mi sono perso”, brani con sonorità degne del pop anni’80. “Sono cenere” è una riflessione sull’uomo moderno con un sound che ricorda i Police; “Un mondo per me” è un brano decisamente funky con una fitta linea vocale rappata. La scrittura di Vignola diviene sempre più intima e il mood sempre più easy nei brani successivi. “Un’altra occasione” è una particolare ballad elettronica, “Sarà l’amore che provo per te” un brano pop con un estemporaneo assolo di basso; “Improvvisamente”, “Laia” e “Sei qui” sono tre canzoni d’amore morbide e accattivanti all’ascolto. Una volta entrati nel mondo del cantautore ci troviamo di fronte ad “Angelo”, un brano diretto e sorprendente, “Funky malamente”, ironico e ritmato e per chiudere “Oggi sto bene”, che ci incanta con suoni brillanti.

“Naufrago” è un viaggio in cui l’artista racconta della ricerca del modo per sopravvivere ad una disavventura senza focalizzarsi sul naufragio in se.

Questo disco è stato realizzato attraverso una campagna di fundraising su Musicraiser, conclusa al 134% dell’obiettivo.