tags:

Random Recipe, con il video di ‘Hey Boy’ diretto da Miss Me


Hey Boy è una delicata ballata trip hop che parla di un mondo utopico in cui il patriarcato non ha più potere.

L’hanno scritta i canadesi Random Recipe per l’album Distraction, uscito nel 2018.

Per il video hanno chiesto una mano all’artista e attivista MissMe, che hanno incontrato a Bologna dopo un’esibizione in un centro artistico femminista.

Read more
tags:

H.E.R. vince il Premio Amnesty emergenti con “Il mondo non cambia mai”.


È H.E.R., al secolo Erma Pia Castriotta, a vincere la 23a edizione del Premio Amnesty nella sezione Emergenti. La finale del contest che premia le canzoni sui diritti umani si è svolta a Rosolina Mare (Rovigo), nella giornata conclusiva del festival “Voci per la libertà”.

Ma protagonista della serata è stato anche Niccolò Fabi, che ha ricevuto il Premio Amnesty per la sezione Big grazie alla canzone “Io sono l’altro”.

Si intitola “Il mondo non cambia mai” il brano che ha portato alla vittoria H.E.R., un brano contro le discriminazioni, che lei, artista transgender, conosce bene.

“Il mio premio lo dedico a Patrick Zaky, attivista per i diritti umani, in carcere in Egitto, reo semplicemente di aver sostenuto i principi dell’uguaglianza”

ha dichiarato. H.E.R.

Ha prevalso in una finale tutta al femminile, in cui il Premio della critica è andato a Agnese Valle da Roma (“La terra sbatte”) e quello del pubblico a Adriana Iè da Verona (con “Bumaye”). In gara anche Assia Fiorillo e Micaela Tempesta, entrambe napoletane.

Read more
tags:

Con il brano “Fire” il cantautore astigiano conquista la finale della 63esima edizione del Festival di Castrocaro.


Con il brano “Fire” (ascolta qui – etichetta Dischi dei sognatori), Fellow, pseudonimo del giovane cantautore astigiano Federico Castello, conquista la finale della 63esima edizione del Festival di Castrocaro che si terrà giovedì 27 agosto – in onda in prima serata su Rai 2 e in contemporanea su Rai Radio 2 – al Padiglione delle Feste di Castrocaro Terme e Terra del Sole. Il percorso degli 8 finalisti in gara sarà determinato da una giuria composta da 4 artisti della musica italiana.

“Questa canzone scritta da me è nata circa due anni fa durante un periodo abbastanza buio della mia vita, in cui una serie di situazioni minacciavano di portarmi via una persona importanteracconta Fellow -. Ho scritto ‘Fire’ perché ne avevo bisogno, dovevo trovare un modo semplice di spiegare a me stesso cosa stesse succedendo e allo stesso tempo urlare al mondo ciò che avevo dentro.  Racconta semplicemente di quella fiamma che nasce dentro, lentamente: un’energia che silenziosamente si sviluppa nella tua anima e inizia poi a fare rumore, un rumore fortissimo, e non puoi più contenerla. Diventa in qualche modo più grande di te, devi lasciarla andare e si libera in un urlo disperato di tristezza, richiesta di aiuto e speranza.”

Fellow nasce ad Asti nel 2000, a otto anni inizia a cantare negli eventi di paese con la band di suo nonno. Frequenta le scuole medie musicali il liceo musicale, periodo nel quale inizia a prendere lezioni di canto. Con alcuni compagni di classe forma una band funky-jazz, con cui si esibisce per la mostra d’arte “Ars Captiva” di Torino, per la presentazione de “La musica nel tempo. Una storia dei Beatles” di Ferdinando Fasce (Fondazione Luigi Einaudi), per la presentazione del libro “Anime Scalze” di Fabio Geda, per alcuni eventi organizzati dal Lions Club, per la Notte dei Licei Classici e altri eventi scolastici. Come cantante solista partecipa allo spettacolo “L’Eroe del Lungo Viaggio”, organizzato da Medici senza frontiere, si esibisce live al Jazz Club di Torino, fino ad arrivare alle semifinali del “Tour Music Fest” nel 2018 e alla finale di Castrocaro nel 2020.

Read more
SINCRONO band
tags:

I Sincrono, band pop rock con il loro secondo singolo “Babilonia”


I Sincrono nascono tra i banchi di scuola del liceo linguistico Gentileschi di Milano nel 2009.

Band pop rock formata da Mustafà Hassan (voce), Alberto Cafulli (basso), Daniele Camerani (chitarra) e Luca Tassinari (chitarra), inizia a esibirsi in diverse manifestazioni, concorsi e showcase fino ad arrivare a partecipare ad Area Sanremo nel 2010.

In seguito, la band prende un lungo periodo di pausa artistica. Il riavvicinamento tra i Sincrono avviene nel 2016 quando la formazione decide di rimettersi in pista più matura e consapevole: da quel momento parte una fruttuosa collaborazione con Francesco Corvino che aiuta la band ad arrangiare e produrre il primo loro singolo uscito nel gennaio 2019, “Il mondo intero tranne te”, e a programmare una serie di concerti e un mini-tour teatrale.

La band è carica e motivata, così, sempre nel corso del 2019 esce il secondo singolo “Babilonia”, e il prossimo 17 gennaio “Fuoco e Cenere” brani che anticipano la pubblicazione a febbraio 2020 del primo album “Tra le vie dei se”.

Read more
never mirko bianca
tags:

Mirko Bianca torna con un nuovo singolo “Never” che fa da apripista al suo album di debutto in uscita prossimamente


Mirko Bianca torna con un nuovo singolo “Never” che fa da apripista al suo album di debutto in uscita prossimamente.

Un brano dalle caratteristiche prettamente pop che l’artista ha scritto di suo pugno, raccontando il proprio essere e le personali e nuove esperienze nel mondo dei suoi sentimenti. Lo conferma la dedica del brano “è rivolto alla prima persona che ho conosciuto, appena trasferito a Catania. Le chiesi un accendino e ora fa parte della mia vita” – racconta l’artista. Un mix di emozioni che emergono da un cuore puro e giovane.

Un singolo che ha richiesto molto tempo “il testo è stato scritto alla fine del 2016, appena trasferitomi a Catania. Nel 2017 è stata realizzata la base musicale del brano, dopodiché ho registrato la traccia vocale. La versione audio è stata rilasciata su tutte le piattaforme musicali. Infine, il videoclip è stato girato nel 2018 e pubblicato all’inizio del 2019.” – racconta Mirko.

Continua – “Never è un inno all’amore, fresco, che non conosce limiti o barriere. Ogni canzone è interpretabile in tanti modi diversi. Posso dire che quando vedo/ascolto i miei amici o i miei fan che la cantano, hanno sempre il sorriso sulla bocca. Credo che li diverta, e questo è l’importante”.

Read more
marialuna bugia meravigliosa
tags:

Marialuna e la sua “Bugia Meravigliosa” che ci parla di amore, gioco, avventura e sensualità giovanile


Dopo 9 mesi di lavoro tra liceo, studio di canto, studio di registrazione ed eventi Marialuna sforna questo CD prodotto dall’etichetta indipendente Free Recording Studio . La scelta dei brani è stata ponderata ,dopo aver ascoltato assieme al suo produttore Antonio Frodella, in maniera da rendere il progetto quasi un concept album autobiografico. La scrittura dei brani vanta di collaborazioni di autori come Andrea Gallo, Carmelo del Genio, Paola del Genio, Alberto Rosati, Ivan Giampiero de Carli, Lino Lavista, Marco Zago che assieme a Marialuna ed Antonio Frodella hanno partorito 8 brani dal sound electro-pop trattando tematiche credibili per una generazione di adolescenti e non. Non è da tutti a solo 17 anni sfornare un album con brani musicali appartenenti a vari stili musicali, nonostante la giovane età Marialuna ha saputo interpretare magistralmente sia ballad lente con spirito interpretativo che ritmi più incalzanti dove si richiede un attitudine molto particolare nel gestire la voce. Marialuna ha un timbro vocale molto versatile, ama cimentarsi anche in molte cover che propone nelle sue ospitate e serate. In questo album propone anche un magnifico featuring con l’artista padovano Marco Zago , in arte Marco Bside , conosciuto come Rapper Freestyler il quale vanta collaborazioni e aperture di concerti di Bassi Maestro , Mondo Marcio , Tormento ecc. Assieme hanno sperimentato questo forma di scrittura un po’ più intimistica nella quale ci si interroga sulla compatibilità o meno di una relazione. I testi scritti dagli autori sopra scritti entrano nel mood dell’artista totalmente fino a renderli ed interpretarli come se fossero parole pensate da lei stessa.
Marialuna è stata scoperta per caso sul web dal suo produttore, il quale nonostante la distanza e mille difficoltà l’ha accolta come se fosse una figlia , instaurando con lei un vero rapporto di amicizia. Assieme hanno riso, pianto, studiato, discusso ma per Marialuna resterà sempre un riferimento importante. Marialuna è una delle poche artiste italiane che senza spinte o conoscenze vanta 2 primi posti in classifica vendite su google play store music mantenendosi al primo posto per oltre 2 mesi sia con il primo singolo “il tuo mondo dentro al mio” che con il secondo “Ora o mai più” e piazzamenti fra i primi 10 posti nei brani più passati in radio nelle classifiche indipendenti. A luglio ha ricevuto il premio speciale durante la manifestazione “Oscar delle stelle” come artista emergente dell’anno assieme ad altri premiati del mondo dello spettacolo quali Sandra Milo, Michele Mirabella, Leopoldo Mastelloni,ecc.

Read more
tags:

“Volevo dirtelo” e tutto il potere comunicativo di ANDRE nel suo nuovo singolo.


ANDRE alias Andrea Panizza, nato a Milano.
Fra le sue esperienze ha partecipato come attore/musicista in tre serie di telefilm in onda su Italia Uno; rispettivamente nell’ 88/89/90 con Cristina D’Avena. Nei primi anni 90 si è reso conto che mediante il canto può comunicare in modo diretto la sua creatività e le sue emozioni. Ha inizio da qua la sua esperienza nel canto; all’inizio come lead vocalist in differenti cover band per poi dedicarsi esclusivamente alla scrittura di nuovi brani inediti.
Compositore e autore dal 1991. Attualmente è impegnato nella produzione del suo primo EP arrangiato e prodotto da Bruno Guerrini.

Read more
tags:

Odyssey, un album di debutto dalle caratteristiche molto varie


Il quartetto torinese si presenta al pubblico con Odyssey, un album di debutto dalle caratteristiche molto varie, con una durata complessiva del LP di quasi un’ora. Ad aprire le danze c’è Midgar, una canzone dalle particolarità ibride, composta da tratti classicheggianti a richiami di puro Metal. Da notare inoltre le influenze progressive, presenti nella canzone attraverso armonie di chitarre, cambi di tempo e di mood. Ma subito dopo si cambiano le carte in tavola con The Age Of Gold, il vero inno di tutto l’album. Prettamente di taglio Pop, qui si sente lo zampino del cantante e frontman Edoardo Piazzola che riesce a strutturare ritornelli cantabili e melodie radio friendly. Con Spatent Rider si ritorna al Trash anni ’80-’90: palm muting, doppio pedale e ritornelli in growl, forse l’unico neo presente all’interno dell’album che fa da contrasto rispetto alle altre canzoni. Time To Say Goodbye e Nothing Gonna Stop Me riprendono l’impronta del genere easy, la prima con i tratti alla Muse, l’altra dalle sonorità più elettroniche, dal quale si riesce a respirare l’odore di hit estiva. Con The Gate Of Hell, la tinta si colora di Glam con liriche misogine e allusioni prettamente sessuali. Se Painless evidenzia il lato tenero della band, attraverso una Rock Ballad ricca di orchestrazioni, The Play risalta il lato prettamente sperimentale, mischiando riff massicci con synth dal sound spaziale. Walter White sottolinea il lato nerd del gruppo, mescolando citazioni a Breaking Bad con il sound dei Placebo. A chiudere il cerchio c’è la title track dell’album: Odyssey. Una Rock Opera dalla lunga durata di quasi otto minuti e mezzo, dove si conclude il viaggio con melodie malinconiche al pianoforte e ritornelli struggenti che richiamano a forte voce Itaca, l’amata madre patria di Ulisse. La dinamica dell’interno album è complessivamente molto ampia, si spazia da sonorità prettamente di genere Metal, come Midgar, Spatent Rider e The Play, a sonorità più Pop come The Age Of Gold, Time To Say Goodbye e Nothing Gonna Stop Me. L’amalgama di queste due impronte riesce a caratterizzare bene il gruppo, inquadrandolo su una linea Alternative, riuscendo a trovare un equilibrio tra la pesantezza dei suoni alla dolcezza delle voci.

Read more
copertina respirar di Katie James
tags:

L’album Respirar è una rappresentazione musicale della persona che sono.


Dopo un viaggio per il Sud America e prima di arrivare a Bogotá Colombia, ho trascorso due mesi nella fattoria della mia famiglia in Huila e, mentre seminavo, mettevo il concime organico, pascolavo le capre e cucinavo le deliziose verdure del nostro orto biologico, componevo e pianificavo. Questa volta volevo realizzare un album assolutamente sincero, che riflettesse attraverso la musica quello che sono e come mi sento. Per questo è stato necessario che io stessa mi facessi carico della produzione musicale e degli arrangiamenti, oltre che a comporre tutte le canzoni. Ho ricevuto aiuto da Toño Castillo nella fase di pre-produzione e poi ho scritto gli arrangiamenti per tutti i musicisti. È stato un compito arduo che mi è piaciuto tantissimo!
Il disco è stato registrato e mixato a Bogotà in Audiovision con Francisco ‘Kiko’ Castro e Mauricio Cano (entrambi vincitori dei Grammy Awards). È stata un’esperienza bellissima, profonda, difficile ed emozionante! 21 musicisti sono stati invitati a registrare utilizzando una varietà di strumenti tra cui il tiple, la bandola, il charango ed il cuatro llanero, inoltre un quartetto d’archi, un quartetto di fiati, chitarre, basso elettrico, contrabbasso, batteria e percussioni.
Il risultato è esattamente quello che volevo. L’album Respirar è una rappresentazione musicale della persona che sono.

Read more
logo completo ELETTRIKA
tags:

Musa è il primo singolo estratto dall’ep Elettrika in prossima uscita.


Esce in questi giorni Musa, il primo singolo, accompagnato da un coloratissimo video, che anticipa l’uscita dell’epElettrika.
Elettrika è il progetto elettro-pop omonimo che nasce da Martina Cangelosi e Stefano “Acredine” Balbi in collaborazione con Genova Records (genovarecords.it) di Gabriele Pallanca.
Dopo una lunga e intensa gavetta live all’interno di vari gruppi del panorama genovese, influenzati principalmente dal cantautorato italiano e dallo slow-rock internazionale, i due fondatori del progetto decidono di dare vita a un’idea completamente nuova nei contenuti e nell’approccio.

Guidati da questa philosophy sviluppano un lavoro che è soprattutto opera di rete capace di coinvolgere diverse realtà artistiche e mondi creativi, aperti alla collaborazione e all’ibridazione di tecniche e contenuti.
Il video di Musa è stato realizzato in un unico piano sequenza ad opera del videomaker Davide Colombino (fb/davide.colombino) che ne ha curato la regia,
da un’idea di Martina Cangelosi. Nel video compaiono Francesca Gallo, Mariana Rojas e Fabrizio Ferro, tre differenti approcci all’ispirazione (arti marziali, action painting e batteria) accomunati dall’impegno e dalla passione che nel video sono rappresentate dai colori di cui l’opera è ricca.
Il singolo Musa, come gli altri brani dell’ep in prossima uscita, è stato masterizzato presso Green Fog Studio (greenfogstudio.com) di Mattia Cominotto

Read more