Anxiety


Never-waiting., ha mentito all’intersezione dell’evoluzione hip-hop nel postmodernismo: emo-rap e trap, amarezza retta da una melodia e armonia enfatizzate dalle forti- barre argute e schemi complicati di rime. C’è un precedente per il suo unico EP “anxiety”, che si tratti delle melodie catartiche, più recentemente, “Volevo Te” di Gionny Scandal e il violento narcotizzato di Nick Sick ” Risparmia i minuti”.

Tuttavia questo suo nuovo EP non ha bisogno di un antagonista – un’ex ragazza ribelle, pericolosa tossicodipendenza – per indurre i suoi sentimenti angosciati e suicidi. La sua rabbia sembra ampiamente interiorizzata e diretta verso se stesso – almeno per la maggior parte del tempo. “Odio me stesso
non c’è bisogno che te lo dico, sono talmente depresso che guardo il mio riflesso in un vetro rotto”, canta rabbiosamente “l’amore fa male”, una traccia del suo nuovo ep anxiety.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •