Back to The Zero


“Back to The Zero” è il primo lavoro dei Nocode432, progetto solista nato dall’idea di Giuseppe De Luca, giovane siciliano con la passione per la musica e il metal. Un disco interamente auto-prodotto nei testi e nelle musiche e realizzato grazie alla collaborazione in studio dello stesso De Luca con Luigi Mancinelli, aspirante producer con la passione per l’home recording.
Insomma, un lavoro “casalingo” che però non preclude la qualità. Il disco si presenta all’ascoltatore con un sound potente, deciso e che non lascia spazio alla monotonia, anzi tutto l’opposto. Questo grazie alla determinazione e genialità dell’autore nell’evitare di identificarsi in un genere ben definito, il che rende il disco non scontato, coinvolgente e per niente noioso come spesso accade oggi, in un’epoca in cui chiunque si improvvisa musicista. Infatti ogni traccia fa storia a se, abbracciando variegate sfumature metal e non, mischiando melodie aggraziate, che ricordano la musica classica, con ritmiche serrate e aggressive tipiche dei gruppi thrash, heavy e groove metal. Un mix di emozioni e sensazioni che accompagnano l’ascoltatore in un viaggio musicale tutto da scoprire, facendo crescere la curiosità di chi si imbatte in questo eccellente lavoro musicale, proprio perché non sai mai cosa ti riserva la traccia successiva. A dare prestigio alle nove tracce presenti nell’album c’è anche la qualità con cui sono scritti i testi che rispecchiano la personalità ed esperienza dell’autore, mai banale. Per farla breve è la storia di un ragazzo, divenuto uomo, che tira le somme della sua vita, ripercorrendo tappe passate e creando buoni propositi per il suo futuro, ormai stravolto dalle vicissitudini e dalle gioie personali che caratterizzano la sua vita. Il disco si apre con un pezzo musicale breve (1’16), “All I Know Pt.1”, che mette subito in evidenza la qualità delle melodie e l’accurata ricercatezza nei dettagli, una costante che contraddistingue l’intero disco. Insomma, un antipasto accattivante che stuzzica immediatamente il “palato” di chi ascolta, e se il buongiorno si vede dal mattino…
E poi…e poi… beh, poi si ritorna allo Zero ; “Back to the Zero…”, buon ascolto!!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •