Racconti


Vero è che un disco (e un libro) non si giudicano dalla copertina, tuttavia ciò che capita sul front dell’album “RACCONTI” del chitarrista Nicola Boschetti è qualcosa di singolare in questo senso: già dal titolo, Racconti appunto, resta evidente che questo disco vada ascoltato, esattamente come un racconto, una storia, con quell’attenzione lì, con quella curiosità di scoprire come va a finire.

Non solo, non basta saper ascoltare, per godere appieno dei racconti di Nicola Boschetti serve anche saper guardare, la musica ci porta anche attraverso delle immagini, dei viaggi, come se pian piano un drone si alzasse in volo, su prati, fiumi, vallate o in una trasvolata dalla Francia al Sudamerica. Bisogna guardare, ogni brano è fatto anche di linee disegnate, marcate, intense ma allo stesso tempo effimere, fatte col gesso, come la linea blu in copertina, robusta ma che ognuno che ascolta può cancellare e reimmaginare a suo piacimento, dovunque voglia andare ad ascoltare e a guardare la musica di Nicola Boschetti.

Un consiglio per i poco pazienti, se non avete il tempo per tutti i racconti, godetevi almeno il brano numero nove, “Fiore”. Capolavoro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •