Un posto all’arte


L’album dei VICO 28. Un progetto che nasce dalla condivisione del tempo in musica, riscoperta dopo anni di attesa ed impegni. L’autore delle musiche e dei testi è Giampaolo Cenisio psicoterapeuta, insegnante di aikido e cantautore. Il titolo del brano “un posto all’arte” da nome all’album, è di per se esplicativo del fatto che lasciare uno spazio all’arte sia necessario, per connetterci a noi stessi ed al nostro ambiente, un bisogno primordiale e fondamentale.
Gli altri brani con sonorità e tematiche ognuna a se stante, possono essere ascoltati con piacere e curiosità, le chitarre di Antonio Di Salvo e le linee melodiche di Maurizio Ferrari al sax colorano e supportano i testi ….come ci piace dire un messaggio che può passare da “cantina a cantina”…da qui il nome Vico 28…di nuovo uno spazio in un centro storico… antico e comunitario…e anche un brano in dialetto ligure, ingauno per la precisione.

Brevi citazioni dai testi:
“Dal faro la luce cadeva verso il mare e le navi vi si aggrappavano per non cascare”…
“il vento che c’è punge come uno spillo e sorprende chi ricama con semplicità
Intrecciando i pensieri e cercando una logica, per condurre i fili in questo mare di giochi sottili”…
“Credi più a te che i tuoi occhi, già vedono bene”…
“U mandillu che ti mei piau u le giancu per fermà u su”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •