BASTIAN


Il Project/band BASTIAN nasce nel 2014 da un’idea del chitarrista italiano Sebastian Conti, che sogna di avere nelle sue composizioni musicali, alcune delle leggende metal con cui è cresciuto. Decide così di chiudersi in studio di registrazione per questo suo ambizioso progetto.
Nasce così il Project/band BASTIAN (nome estrapolato dal mitico film La Storia Infinita) e nel 2015 esce il suo primo album, da lui interamente scritto e prodotto dal titolo “Among my Giants”.

“Ho avuto la fortuna ed il piacere di avere in questo primo progetto i due straordinari cantanti americani Michael Vescera (ex Malmsteen, Loudness, Animetal Usa, Obsession)e Mark Boals (ex Malmsteen, Ulrich Roth). Alla batteria il grande Vinny Appice (Black Sabbath, Ronnie James Dio), Thomas Lang (Paul Gilbert, Glenn Hughes), John Macaluso (ex Malmsteen, James LaBrie, TnT, Rivolta, J.Batten). ”

Dopo buone recensioni e l’ottima risonanza ottenuta da questo primo album, Sebastian torna in studio di registrazione per la realizzazione di un nuovo lavoro.
Ma questa volta con una ridotta formazione. Infatti, oltre al sempre fedele bassista italiano Corrado Giardina, possiamo trovare Michael Vescera a prendersi cura di tutte le linee vocali e John Macaluso alla batteria.
Il titolo di questo secondo lavoro è: Rock of Daedalus ed è stato rilasciato nel marzo del 2016 dalla stessa etichetta italiana del precedente album, la label Underground Symphony.
Dopo diversi spettacoli, con una line up interamente italiana, e spinto dalla sua grande vena creativa, Sebastian è subito pronto a rilasciare il terzo album della band, intitolato “Back to the roots”. Rilasciato il 28 febbraio 2017 dalla label Sliptrick Records. Una nuova line up per quest’ultimo disco. Questa volta Vinny Appice alla batteria, la svedese Apollo Papathanasio (ex Firewind, Majestic) alla voce e l’indistruttibile Corrado Giardina al basso.

“Non mi sento prigioniero di un genere musicale specifico. Mi piace passeggiare e potermi muovermi tra le varie sfumature della musica rock. Indipendentemente da come si chiama: metal, Trash, Hard rock, Doom, Classic rock ecc ecc “

Un sound un po ‘diverso rispetto al metal classico dei suoi due precedenti lavori. Questa terzo album racchiude delle sfumature più hard rock, con dolci ballate e qualche tocco blues. Ma senza mai perdere di vista il sound tagliente che da sempre caratterizza i suoi lavori
Il Quarto album della band è stato realizzato nel 2017. Un sound in piena matrice Black Sabbath dei primi album, ma con la botta del sound dei giorni nostri. Un sound genuino e non artefatto che attinge la sua linfa nelle più antiche e scure origine del metal.
Streghe, maghi, foreste nere, riti voodoo e tan’altro, all’interno di questo ultimo lavoro intitolato “GRIMORIO”. La nuova formazione vede tra le file il solito Sebastian Conti alle chitarre, James Lomenzo, veterano bassista americano (ex Ozzy Osbourne, Megadeth, Black label society), il mostruoso batterista italiano Federico Paulovich (Destrage) ed il talentuoso cantante danese Nicklas Sonne (Defecto)
L’album è stato mixato da Clint Murphy allo Yellow Shark studio in Inghilterra e masterizzato da Ryan Smith agli Sterling Sound di New York.

Dopo “Grimorio” una buona pausa per rigenerare la vena creativa, e nel 2023 arriva il doppio album intitolato “The Hermit’s Cave”, titolo che nasce dal forzato lockdown che ha indotto il chitarrista a rinchiudersi in studio e dedicarsi completamente alla composizione e registrazione delle line di chitarra. Nuova line up per questo doppio album che vede ancora il Federico Paulovich alla batteria, il siracusano Dario Giannì al basso, e due cantanti, l’italiano Alessandro del Vecchio e lo svedese Christer Elmgren. L’album si divide in due cd da 10 brani cadauno. Il cd1 più tendete al metal, ricorda qualche atmosfera dei Black Label Society con un leggero spruzzo di doom vecchio stile. Il cd2 racchiude 10 brani tendenzialmente più rock, con quei tipici ritornelli che ti rimangono in testa senza tralasciare mai quella vena old school che da sempre ha accompagnato la musica dei BASTIAN

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •