Turbodiesel


Èvero che suoni la batteria?
Vieni a suonare il basso con noi?
Sto formando una band, ti va di suonare la tastiera?
Ma tu te li mangi gli assoli?

È stato così che, nel 2014, i TurboDiesel hanno iniziato a prendere forma. Dopo aver cambiato alcuni componenti, la formazione ufficiale è nata nel 2015, grazie al bassista che si è messo in gioco e si è proposto anche come cantante: Federico Balboni, conosciuto con il nome di Balbo. Così, Lorenzo Preziosi (Prezio) prese le bacchette in mano e si sedette dietro la batteria dei TurboDiesel. Quello che si mangiava gli assoli è diventato Riccardo Billi, altresì chiamato Billi (che non è un soprannome, come all’inizio pensavamo, ma è proprio il suo cognome!). Ed infine, il tastierista che ha passato il primo anno a chiedere in prestito tastiere perché solo in possesso di un pianoforte: Matteo Govoni (Matte).
Il nome della band è nato ispirandosi al nostro stile musicale, sporco e cattivo, come solo un motore turbodiesel può essere (o forse perché, guardando la macchina di Balbo, ci siamo accorti che turbodiesel era già scritto davanti ai nostri occhi?!).


È nel maggio 2016 che la band riceve il suo primo ingaggio ad una festa parrocchiale a Casteldebole (provincia di Bologna) e, dopo questa data, ci siamo resi conto che il nostro genere non era per nulla adatto a questo luogo! In questo modo, carichi e con tanta voglia di suonare, abbiamo dedicato un anno allo studio di cover e alla composizione dei nostri primi inediti. Il 2017 è stato l’anno della svolta: dopo una serie di contest e live, in numerosi luoghi e tipologie di eventi, ci siamo dedicati alla composizione di inediti, per poter esprimere al meglio i nostri pensieri attraverso la musica.
Ma non dimentichiamoci! È proprio in questo periodo che ci siamo dedicati alla realizzazione della nostra sala prove ufficiale, in quel di Maccaretolo (paesino in provincia di Bologna), anche detto Maccatown. In poco tempo si è rivelata la fucina delle nostre idee e, da dicembre 2017, dopo aver raggiunto un numero sufficiente di inediti, ci siamo dedicati all’incisione del nostro primo album, Petrolhead, presso il Wooden Studio, di Cento.

To be continued…

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •