Vito Ferrantello


Vito Ferrantello ha 52 anni ed è un musicista polistrumentista Siciliano, di Castelvetrano TP, chitarrista, bassista e tastierista, compositore ed arrangiatore di musiche di vario genere musicale e in alcuni casi anche autore delle parole.
Tecnico del suono, produce musica nel suo home studio “MIDIMOUSE STUDIO RECORDING” utilizzando i migliori software musicali del mercato.

Inizia lo studio della chitarra a 12 anni, come autodidatta instradato dallo zio chitarrista che lo segue nei primi anni.
Già a 16 anni le prime formazioni in gruppo e da lì a seguire fino ad oggi, acquisendo grande esperienza della musica intesa come scienza armonica e melodica, conoscenza di quasi tutti i generi musicali, musica d’insieme ed arrangiamenti.

Ha acquisito grandi esperienze musicali live sia in luogo che all’estero (villaggi e navi da crociera) e suonando con grandi musicisti del territorio;
Ha registrato in studio come chitarrista in diversi brani di vari artisti;

Ama tutta la musica, predilige tutto ciò che gravita attorno al Jazz e oggi suona la chitarra in un gruppo jazz, in un altro pop rock e poi da solo o in duo come chitar-bar.

E’ iscritto alla S.I.A.E (società italiana di tutela dei diritti d’autore) e da sempre ha avuto l’attenzione e l’attrazione verso la composizione.

Ha partecipato a diversi concorsi nazionali come autore e compositore riuscendo ad entrare sempre nelle finali di concorso con grande soddisfazione.
Compone musica per diversi artisti e anche per diverse agenzie di licenze musicali per films, pubblicità, TV,….
Ha studiato da esterno presso il Conservatorio Bellini di Palermo e ha preso lezioni di musica private sia di chitarra che di pianoforte per circa un decennio, a partecipato a diversi seminari di chitarra jazz e tutt’ora studia e approfondisce tutte le tecniche, grazie ai libri didattici dei più grandi maestri di chitarra del mondo, soprattutto in ambito jazz, in maniera autonoma.

Lavora presso il Comune di Castelvetrano e insegna chitarra privatamente.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •